Banner seminari

Venerdì, 07 Ottobre 2016 13:45

Guidare o essere guidati In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ogni volta che interagiamo con qualcuno ci sono momenti in cui siamo noi a guidare la conversazione e momenti in cui è l’altro a guidarci.

Quando lo scambio è paritario, il tempo che trascorriamo guidando la conversazione è praticamente uguale a quello in cui è l’altro a guidare.

Quando, invece, la relazione è più ipnotica, uno dei partecipanti parla più dell’altro e, quindi, guida più dell’altro.

Questo è un segnale evidente di chi sta guidando e ipnotizzando l’altro: chi parla di più è anche colui che sta fornendo all’altro la sua visione del mondo. Egli ha più possibilità di far passare le sue idee e influenzare l’altra persona.

Per questo motivo, se vuoi guidare la conversazione e raggiungere l’obiettivo prefissato, devi essere tu a parlare usando gli strumenti giusti.

 

Strumenti come la Programmazione Neuro Linguistica e la Comunicazione Analogica, discipline che ti insegnano ad avere il giusto approccio, a creare empatia, carpire i disagi emozionali dell’interlocutore e usarli per creare fiducia, parlare guidando la conversazione e portare l’interlocutore nella tua visione del mondo usando le giuste parole e il giusto atteggiamento, raggiungere l’obiettivo, qualsiasi esso sia.

NE VUOI SAPERE DI PIU' SULL'ARGOMENTO?

Leggi gratuitamente un estratto del libro "Inside and Outside - Libro Primo"

formato pdf sfondo

Pietro Sangiorgio

www.insideoutside.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

L'inserimento del nome e della mail sono necessari per evitare lo spam verso il blog.
Non ti sarà inviato nessun messaggio da parte nostra ad eccezione degli aggiornamenti riguardanti il commento.

BannerBot