Banner seminari

Martedì, 09 Maggio 2017 18:07

Se fosse il tuo ultimo giorno sulla terra?

Scritto da

Se oggi fosse il tuo ultimo giorno sulla terra che faresti, te lo sei mai chiesto? Io so molto bene che cosa farei! Da un po’ di tempo ci penso tutti i giorni, ma questo articolo non è su quello che farei io…

I pregiudizi sono sempre dannatamente pericolosi. Ci bloccano la mente, impedendoci di crescere o di trovare soluzioni efficaci ai nostri problemi. Succede purtroppo in ogni ambito della nostra vita. Sono infatti tante le persone che hanno dei pregiudizi verso qualcosa o qualcuno. E questo finisce spesso per danneggiare la loro esistenza e quella delle persone a loro care.

Martedì, 28 Marzo 2017 15:11

..appunti sull'ipnosi...

Scritto da

Visto che da quando ho iniziato ad usare l'ipnosi il mio lavoro da magnifico é diventato superbo... Beh  ve la propongo ....
Così chi desidera condividere per diffondere questo metodo d'aiuto così semplice efficace e sicuro potrá farlo ....

Appunti sull’Ipnosi
Parecchie persone, sentendo parlare d’ipnosi, s’intimoriscono un po’…

Istinti e pulsioni sono dei “moventi” inconsapevoli e innati che condizionano la condotta umana.
“Innati” perché si tratta di comportamenti selezionati in milioni di anni di evoluzione come vantaggiosi per la specie umana, e di conseguenza fanno parte del nostro patrimonio genetico.
“Inconsapevoli” perché hanno un alto grado di automaticità, non sono cioè innescati dall’Io razionale.

Martedì, 14 Marzo 2017 09:37

Il modello del comportamento umano In evidenza

Scritto da

Prima di tutto voglio cercare di definire e inquadrare il modello del comportamento umano, di cui la volontà è solo una delle manifestazioni, per rispondere ad alcune domande fondamentali:

Come e perché facciamo quello che facciamo?
Come mai spesso non facciamo quello che diciamo di voler fare?
Cosa significa volere una cosa?

Martedì, 07 Febbraio 2017 16:19

Ognuno ha il suo senso di colpa In evidenza

Scritto da

Spesse volte però non si tratta di vera e propria colpa, ma di un qualcosa che si chiama senso di colpa. Il senso di colpa si distingue dalla colpa perché ci annuncia che le cose potrebbero non andare come vorremmo, ma ancora non si è certi di come possano concludersi. È una sorta di stato anticipatorio della colpa vera e propria. Mentre la colpa si manifesta a cose avvenute, quando non c’è più nulla da fare.

Domenica, 15 Gennaio 2017 17:49

Qual'è il tuo problema?

Scritto da

Sui problemi piccoli e grandi della vita sono stati scritti libri e persino girati film e rappresentazioni teatrali. È quindi riduttivo basarsi solo su ciò che scriverò in questo breve articolo; cercherò di essere essenziale, di fornire il quadro e di dare spunti di riflessione

Una vita senza problemi apparentemente potrebbe sembrare migliore, in realtà sarebbe una vita piatta. I problemi devono sussistere e le aspettative anche, come l’esigenza di vincere, altrimenti l’uomo non sa di cosa godere.

Il problema nasce quando il problema diventa troppo grosso, ossia quando quel qualcosa che ci ha sollecitato il desiderio non può essere posseduta, oppure quando quel qualcosa la possediamo e non la desideriamo ed è qui che nasce il problema.

Giovedì, 15 Dicembre 2016 16:48

Tu cosa stai rifiutando? In evidenza

Scritto da

L’altra sera sono uscito a cena con una mia cara amica. Benché abbia apprezzato l’ottima compagnia e il ristorante, al mio rientro a casa mi sentivo un po' scarico.

Poi riflettendo sulla serata, mi sono reso conto che abbiamo passato la maggior parte della serata a parlare del mio nuovo percorso lavorativo, per lo più era lei a pormi domande sulla comunicazione analogica e la psicologia analogica in generale e nonostante il suo apparente interesse alla materia, la mia amica si era rivelata brillante nello smontare qualsiasi libro, concetto, metodo o approccio comunicazionale di cui io avessi letto, studiato o sentito parlare.

Giovedì, 08 Dicembre 2016 17:00

Il simbolismo comunicazionale In evidenza

Scritto da

Nel precedente articolo ti ho parlato delle tipologie psicologiche dell’individuo. Queste tipologie si identificano con dei simboli archetipici: “asta, cerchio e triangolo”. Questi nomi non sono casuali, infatti l’individuo secondo la tipologia di appartenenza ha un atteggiamento che rispecchia appunto questi simboli.

Questo simbolismo è il linguaggio emotivo decodificato dalla Psicologia Analogica e rappresenta le chiavi di accesso ai sistemi mentali che governano l’individuo.

Mercoledì, 30 Novembre 2016 16:39

Io bambino, inconscio, istinto… o geometria? In evidenza

Scritto da

Sin dalla nascita, le figure significative sono indubbiamente i genitori che a prescindere dal loro comportamento occuperanno per tutta la vita dell’individuo un posto di rilievo per l’inconscio.
L’origine della conflittualità con uno o l’altro genitore si forma sin dai primi giorni di vita (oserei dire anche prima...) nel grembo materno. Ovviamente questa conflittualità è nella percezione dei genitori da parte del bambino. Quello che voglio intendere è che è sempre la percezione del bambino a decidere il genitore conflittuale.

Pagina 4 di 5

BannerBot