Banner seminari

Mercoledì, 30 Novembre 2016 16:39

Io bambino, inconscio, istinto… o geometria? In evidenza

Scritto da

Sin dalla nascita, le figure significative sono indubbiamente i genitori che a prescindere dal loro comportamento occuperanno per tutta la vita dell’individuo un posto di rilievo per l’inconscio.
L’origine della conflittualità con uno o l’altro genitore si forma sin dai primi giorni di vita (oserei dire anche prima...) nel grembo materno. Ovviamente questa conflittualità è nella percezione dei genitori da parte del bambino. Quello che voglio intendere è che è sempre la percezione del bambino a decidere il genitore conflittuale.

Mercoledì, 23 Novembre 2016 11:28

Gesti e atteggiamenti che parlano da soli

Scritto da

Se tu dicessi la verità assoluta a tutti, che cosa succederebbe? Se ti rivolgessi alle persone con le esatte parole che ti passano per la mente, quali conseguenze ci sarebbero? Prova ad immaginare le seguenti situazioni:
     Al tuo capo: “Buongiorno signor Testa di m…… !!”
     Al tuo vicino o vicina: “Grazie per avermi aiutato a portare su la spesa. Hai un bel sedere ma da chi diavolo vai a farti i capelli?”
     A tua suocera: “Che gioia rivederti, vecchia rompiscatole impicciona!!”

Una donna che si annoda i capelli su un dito, giocherella con l’anello o con la collana, una persona che si gratta la nuca, un sopracciglio, che si accarezza il collo, si aggiusta un polsino, o che apre o chiude la giacca e numerosi altri comportamenti simili, sono tutti segnali che produciamo di continuo, centinaia di volte al giorno. Tutto ciò lo facciamo quasi interamente senza rendercene conto e senza l’intenzione di tramettere alcunché.

Solitamente nelle nostre interazioni quotidiane ignoriamo e giudichiamo questi segnali senza alcun senso, purtroppo però questo non significa che questi segnali non vengano colti e che non producano effetti. Questo processo avviene per lo più, al di fuori della nostra consapevolezza.

Perché questo succede?

Sono molte le attività di tutti i giorni che ci portano a comunicare o a conoscere altre persone.  Al bar, in vacanza o in qualsiasi altro luogo che ti viene in mente, per lavoro o per piacere c’è sempre la necessità di comunicare.

Ma, nel momento in cui comunichiamo per proporre il nostro business o proporre noi stessi per amore o per amicizia, quanto del nostro atteggiamento e quante delle nostre parole sono in grado di persuadere il nostro interlocutore? E quanto di tutto questo riesce a tenerlo incollato alla tua conversazione mantenendo alta la sua attenzione spingendolo a compiere azioni che portano benefici alla tua attività di business o seduttiva?

Un altro modo efficace e interessante di produrre una stimolazione ed una risposta inconscia è quello di usare una storia o una metafora, meglio ancora se sono delle metafore incluse in una storia personale.

Secondo la tipologia dell’interlocutore si crea l’introduzione e il concetto da inserire.

Lunedì, 24 Ottobre 2016 13:08

Stimolare l’inconscio In evidenza

Scritto da

Sigmund Freud è stato il primo studioso ad avere l’intuizione che l’inconscio è la parte irrazionale della psiche e teorizzò che la psiche umana è divisa in tre parti:

  • l’Es, che è scaturita dall’ambiente sociale in cui si nasce o da un’eredità genetica;
  • l’Io, che è regolato dal rapporto che si ha con la realtà;
  • il Super Io, la parte più nobile della nostra psiche che si plasma in base alla coscienza, ai modelli e agli ideali di una persona.
Lunedì, 17 Ottobre 2016 20:49

I cancellatori (ma, però, tuttavia…) In evidenza

Scritto da

Una delle fondamentali capacità di un buon comunicatore sicuramente è quella di stabilire e mantenere empatia con l’interlocutore; fondamentalmente alla base di questa empatia ci deve essere la sincera comprensione della persona con cui comunichiamo.
L’idea è che se diamo comprensione all’inizio di una frase, dobbiamo mantenerla anche nel resto della frase stessa (senza cancellarla), anche se vogliamo esprimere un nostro punto di vista personale.
Questo non significa dar ragione, ovviamente se non siamo d’accordo, non lo siamo e basta. Ad ogni modo mantenere una certa comprensione verso l’altra persona, permette di mantenere una certa empatia.

Lunedì, 17 Ottobre 2016 13:19

Bypassare la mente conscia In evidenza

Scritto da

Sin dall’infanzia t’insegnano che non puoi prendere e basta, bisogna chiedere e devi farlo per favore, ti ritrovi adulto e chiedi, al lavoro, agli amici, alle persone che ti piacciono. Quante volte ti è capitato di innamorarti di qualcuno e non avere mai il coraggio di chiedergli di uscire o semplicemente di andare a prendere un caffè o un gelato?  Nei prossimi articoli approfondiremo il concetto del perché nasce la paura di chiedere.

Venerdì, 14 Ottobre 2016 18:18

Attrarre l’attenzione In evidenza

Scritto da

Penso che a chiunque sia capitato di voler attrarre l’attenzione di una persona che non conosce oppure di avere a che fare con una persona che parla tanto e sembra non sentire quello hai da dire.

Ci sono diversi modi per attrarre l’attenzione ed essi variano in base alla situazione e il tipo di persona; se questa è una donna oppure un uomo o se in una situazione sociale o lavorativa ed è in parte semplice da attualizzare, appunto in base alla situazione stessa.

Giovedì, 13 Ottobre 2016 10:06

Il Blitz Ipnotico In evidenza

Scritto da

Come già detto nel precedente articolo "Che cos'è l'ipnosi e come riconoscerla", l’ipnosi è uno stato che si sperimenta più volte durante la giornata. Il cervello va in fase Alpha, poi Theta ed è sensibile alle suggestioni.

L’ipnosi nel corso della storia ha avuto anch’essa le sue fasi e gli studiosi fanno risalire la sua conoscenza a oltre quattromila anni. Gli antichi Greci, Romani, Cinesi, Egizi, gli Indiani, gli Ebrei, i Persiani, quasi tutti i popoli nel passato praticavano riti che possono essere accumunati alle attuali tecniche induttive per l’ipnosi.

Si giunge così ai tempi moderni, nei quali l’ipnosi trova una chiave di lettura completamente diversa. Milton Erickson indiscusso maestro della nuova generazione di studiosi ha smitizzato del tutto l’ipnosi.

Pagina 5 di 6

BannerBot